UN LIKE VAL BENE UNA MESSA!

1.410 Visualizzazioni

Impressiona comunque l’indomita audacia del consigliere Cutrali che, vestendo i panni di “esperto e navigato epidemiologo”,  ha invaso i media locali e nazionali con le sue accorte e ragionate proposte.

In democrazia è legittimo poter esprimere opinioni, anche quando queste hanno il sapore della estemporaneità o dell’improvvisazione.

Vuoi mettere il piacere intimo e l’appagamento personale di poterle scrivere, condite da qualche frase ad effetto che parli alla pancia del proprio elettorato, sui giornali e sui social.

E questo, nonostante l’evidente patto di obbedienza assoluta, vale addirittura per i consiglieri che sostengono il sindaco Bonfanti.

E’ proprio il caso di dire, un “like val bene una messa”!

Impressiona comunque l’indomita audacia del consigliere Cutrali che, vestendo i panni di “esperto e navigato epidemiologo”,  ha invaso i media locali e nazionali con le sue accorte e ragionate proposte.

Bonfanti, sindaco di Noto, salva i nostri giovani, salva il futuro di Noto”

“Sindaco chiudi le scuole!”

“Ministro Azzolina, incapace vai a casa

Un terremoto politico, un vero e proprio cortocircuito istituzionale!

Per la verità qualche retroscenista politico “de noiartri”, ma io non ci credo, ha affermato, sghignazzando mentre sorseggiava l’ultimo spritz all’arancione amaro, che sia stato il primo cittadino ad imboccare il nostro in questa intemerata, col malcelato proposito di far capire che Egli ascolta tutti, persino i consiglieri della sua maggioranza.

Anche i consiglieri di opposizione, che stamane hanno inteso rintuzzare con veemenza le ardite proposte del già vicepresidente della massima assise comunale, stiano sereni, provvederà il Sindaco alla più classica delle paternalistiche tiratine di orecchie di cui sappiamo che è capace, per l’imprudente consigliere Cutrali.

In questo momento particolare dobbiamo necessariamente utilizzare il tasto della leggerezza e sorridere anche quando si leggono certe proposte balzane e andare avanti.

Però  io proprio non ce la faccio!

Sommessamente, avvalendomi del mio nickname, e scusandomi anticipatamente per l’ardire, avanzo una proposta per il nostro caro primo cittadino.

Si sa, le crisi a volte aguzzano l’ingegno e possono anche essere opportunità!

Utilizziamo l’isolamento imposto nelle zone arancione.

Piuttosto che chiudere le scuole, avviare per il personale docente e non docente, studenti e le loro famiglie uno screening di massa utilizzando i tamponi rapidi, così come stanno facendo a Palermo e in altre 23 comuni siciliani superiori a trentamila abitanti.

Avviare uno screening in tutti gli uffici pubblici, statali, regionali, comunali, bancari etc.

Lo screening, a tappeto per la restante popolazione.

Comunque, bando alle ciance, io sono tranquillo.

Il mio sindaco sa cosa fare.

Carmelo Filingeri

Leave a Reply

Your email address will not be published.